Credit management e recupero crediti: cosa sono e perché sono attività complementari

Che cos’è il credit management 

Per credit management si intendono tutti quei meccanismi capaci di evitare che un credito rimanga insoluto, oppure, nel caso in cui questo avvenga, identifica le azioni in grado di consentire il recupero del dovuto, anche se con ritardo rispetto alla scadenza prevista dal contratto. 

Il momento più importante in un processo di credit management è quello che precede la scadenza del credito, perché procedure come la corretta gestione dei crediti, il monitoraggio del Dso e la prevenzione degli insoluti consentono all’impresa di incassare tutto il dovuto. Spesso infatti le operazioni che si possono intraprendere a fattura già scaduta non sempre garantiscono successo.

La tempestività dunque è tutto. Le statistiche rivelano infatti che più il credito è datato, minore è la possibilità di recuperarlo. Dai nostri dati emerge inoltre che dopo sei mesi, per esempio, la probabilità di incasso diminuisce del 30%. Da evidenziare inoltre un’altra problematica: i crediti commerciali insoluti vanno in prescrizione ordinaria dopo dieci anni. Questo elemento fa ben comprendere come il fattore tempo sia davvero fondamentale.

Il credit management, che prevede una serie di azioni concrete che mirano a gestire al meglio il credito in termini di processo, non è dunque solo un obiettivo aziendale, che permette di mantenere l’azienda in buona salute, ma anche una leva strategica fondamentale di business. Una buona amministrazione del credito permette non solo al manager ma anche alle risorse interne di dedicarsi alle altre attività e aumentare la produttività in settori utili al new business. 

L’attività di credit management protegge infatti la liquidità aziendale, evitando che il capitale circolante arrivi a livelli di allarme, e consente inoltre di mantenere buoni rapporti con i debitori. Non è da trascurare inoltre il fatto che lasciare che un credito insoluto diventi un grave problema porta con sé l’inevitabile conseguenza di far deteriorare il rapporto commerciale. 

Per minimizzare il rischio dell’esposizione finanziaria ed essere pronti a recuperare gli insoluti, è necessario reagire con un’adeguata organizzazione e con strumenti dedicati, adottando una credit policy aziendale che garantisca controlli regolari e tempestività di azione.

 
credit management
 

Le fasi della gestione dei crediti

La prevenzione degli insoluti inizia sempre con una verifica sull’affidabilità del cliente. Questa prima analisi è fondamentale. Idealmente, quindi, si potrebbero escludere tutte quelle imprese che non presentano adeguate garanzie. Questo è un tema però molto delicato, anche perché le situazioni aziendali sono in continua evoluzione e sono soggette a scenari variabili: un’azienda che oggi è “sana”, potrebbe non esserlo più successivamente. 

Entra così in gioco il processo di analisi dei crediti, che apre le porte a tutte le operazioni che possono essere intraprese in caso di insoluto. Si possono per esempio inviare preavvisi di scadenza della fattura oppure, nel caso in cui il termine sia già stato superato, oppure concordare con il debitore nuove scadenze per il pagamento. L’errore da non fare è quello di trascurare la situazione: è necessario infatti intervenire il prima possibile con una o più azioni mirate. 

 

credit management

  

I vantaggi di un credit manager esterno

In questo scenario la figura del credit manager diventa centrale per un’azienda. Questo profilo altamente specializzato può essere interno o esterno. Nel primo caso ovviamente l’impresa deve prevedere un costo per poter acquisire e mantenere la risorsa (solitamente questa è la scelta che fanno le grandi aziende), nel secondo caso invece l’impresa può contare su una professionalità esterna, risparmiando tempo e denaro e soprattutto sapendo di poter essere supportata con azioni mirate. Questa soluzione è ideale per le piccole e medie aziende che per dimensioni e mentalità si concentrano esclusivamente sullo sviluppo del proprio business.

Scegliere un credit manager esterno quindi, come per esempio Innolva, consente di dotarsi di strumenti precisi e di procedure collaudate di credit management senza rendere l’organizzazione aziendale eccessivamente complessa e senza rendere strutturali i costi della gestione dei crediti.

Le soluzioni offerte da Innolva sono in grado di governare la situazione creditoria globale della società, garantire l'applicazione degli accordi con i clienti, monitorare il rispetto di norme e procedure interne, evidenziare i comportamenti difformi e prevedere tempestivamente eventuali azioni correttive. Innolva è un vero e proprio partner che segue il cliente in un processo e interviene prontamente in caso di criticità per il recupero tempestivo del credito dovuto. 

Innolva incarna di fatto il ruolo del credit manager e mette a disposizione servizi di gestione dei crediti stragiudiziale, prelegale e giudiziale per aiutare le imprese ad ottimizzare i costi, evitando azioni improduttive e massimizzando i risultati di realizzazione sia in Italia che all’estero.

Si tratta dunque di una soluzione completa, che lascia libero l’imprenditore di occuparsi esclusivamente delle strategie migliori per far crescere il proprio business e la propria redditività.

 
 


Vuoi dare più forza e valore al tuo business?
PROVA UN SERVIZIO
ARTICOLI SIMILI