Notizie

21 ottobre 2020

Moratorie sui finanziamenti

moratorie-finanziamenti

L'accordo per il credito 2019 e il DL Cura Italia

In tutta Italia è operativo l’Accordo a sostegno delle PMI “Imprese in Ripresa”, stipulato a novembre 2018 tra ABI (Associazione Bancaria Italiana) e le Associazioni di rappresentanza delle imprese.
L’iniziativa consente di richiedere la sospensione fino a 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti o l’allungamento della scadenza dei finanziamenti stessi, anche per rate già scadute da non più di 90 gg alla data di presentazione della domanda, in assenza di posizioni non-performing.


La Moratoria ABI 2020

A seguito della pandemia da Covid-19 e del conseguente stato emergenziale, la Moratoria ABI 2020 aggiunge un Addendum all’accordo per il credito, che estende il perimetro dell’iniziativa anche ad imprese micro, piccole e medie danneggiate dall’emergenza epidemiologica, e concede la possibilità di richiedere sospensioni o allungamenti fino a 24 mesi per imprese appartenenti a specifici settori o filiere produttive maggiormente impattati. Successivamente, nei mesi di aprile e maggio, la concessione è estesa anche a province, comuni, famiglie e aziende di maggiori dimensioni. Il 17 agosto 2020 la moratoria è stata prorogata al 31 gennaio 2021 (31 marzo del 2021 per le imprese del comparto turistico).


L
a Moratoria Straordinaria del Decreto-legge Cura Italia

Anche il Governo si è attivato in materia, con il DL 18 del 17 marzo 2020, art. 56, che disciplina la Moratoria Straordinaria. Questa iniziativa prevede la sospensione della quota capitale o dell’intera rata dei mutui o delle operazioni di leasing, o l’allungamento della scadenza dei finanziamenti per micro, piccole e medie imprese, lavoratori autonomi titolari di partita IVA che ne facciano domanda entro il 31/12/2020. Successivamente, l’art. 65 del Decreto Agosto (DL 104/14 agosto 2020) proroga la moratoria al 31 gennaio 2021 (31 marzo 2021 per le imprese del comparto turistico). Per le imprese che hanno già avanzato domanda di moratoria è previsto un meccanismo automatico di rinnovo che può essere interrotto se l'azienda da espressa comunicazione di rinuncia alla proroga. Per le imprese che non si sono già avvalse della moratoria, il termine ultimo per la presentazione della domanda è il 31/12/2020.


I volumi delle moratorie richieste nel 2020

Le risposte di Innolva per supportare l’attività degli istituti bancari

Alla scadenza del periodo di moratoria le banche dovranno fronteggiare un aumento dell’operatività dovuto alla numerosità di procedure per indirizzare le aziende clienti al rientro delle linee di credito oggetto di sospensione o allungamento.

Innolva affianca gli istituti di credito con soluzioni in BPO utili a prendere coscienza dello stato dei clienti e del loro orientamento sul rispetto degli impegni, sensibilizzandoli sulla necessità di giungere ad una composizione delle esposizioni attraverso interventi dedicati alla gestione anticipata delle situazioni di inadempimento

Sono stati creati servizi personalizzabili pre e post scadenza che perseguono l’obiettivo di creare le condizioni per pianificare gli eventuali successivi interventi di recupero in un effettivo processo end to end. I puntuali riscontri previsti sullo stato attività svolta permettono di coniugare le esigenze dell’istituto di credito con la cura della relazione con il cliente e sua relativa fidelizzazione.